Il 5G e gli uccelli morti a Roma

Recentemente, alcuni post di Romina Power su Instagram hanno riaperto il dibattito sul 5G.

In uno di questi, l’artista denuncia come decine o forse centinaia di uccelli siano morti a causa della prova di un’antenna a Roma.

Romina Power ha scritto, senza mezze misure, che “loro sono morti subito (per il 5G) mentre noi moriremo lentamente“.

Fatti alla mano, le cose non stanno così. Qui sopra pubblichiamo la foto che ritrae i volatili morti.

Si tratta di un fatto accaduto il 5 febbraio, in una giornata di forte vento, tanto forte da aver abbattuto degli alberi.

Gli uccelli si trovavano sugli alberi caduti, e sono morti per effetto dell’impatto con l’asfalto, come confermato dai Vigili del Fuoco accorsi sul posto.

A meno che non si voglia ipotizzare che qualcuno, approfittando del forte vento, abbia fatto un test sul 5G talmente potente da far cadere anche gli alberi, ma questo presupporrebbe la potenza fantascientifica di un’arma aliena.

Il 5G che effetti ha sulla salute?

I nemici invisibili ci fanno molta paura; l’idea che delle microonde possano passarci attraverso in ogni momento della giornata, rendendo insicura anche casa nostra, è destabilizzante.

Il timore di molte persone è che questa tecnologia, nel lungo periodo, sia un killer silenzioso che darà luogo a gravi malattie, come ad esempio tumori.

Qualcuno ipotizza perfino che “le grandi lobby internazionali” siano già a conoscenza delle conseguenze, ma abbiano messo tutto a tacere ungendo le istituzioni di tutto il mondo con gli enormi capitali di cui dispongono.

E’ chiaro che il “complottista” troverà sempre il modo di pensar male; quello che possiamo dire è che non ci sono dati scientificamente provati che ci consentano di escludere (ma neanche di confermare!) che il 5G faccia male.

Si consideri anche che non ci sono elementi definitivi per escludere che nessuna delle precedenti tecnologie, quelle che già stiamo usando ora, sia pericolosa.

Pertanto, non ci sono elementi scientificamente provati per affermare che le attuali tecnologie siano più sicure del 5G.

Per avere risposte definitive occorreranno anni, probabilmente sapremo qualcosa di definitivo sui pericoli del 2, 3, 4, e 5G quando saremo già arrivati al 10G.

L’ISS, l’Istituto Superiore di Sanità, ha chiarito però che le potenze dissipate dalle antenne 5G saranno più basse di quelle fino ad ora utilizzate nelle telecomunicazioni.

Infine, il 5G promette di essere ecologico, perchè dovrebbe consentire importanti risparmi di energia a livello globale.

Quindi, c’è da stare tranquilli? Diciamo che non ci sono ragioni per essere più preoccupati di ora. 🙂

Pensi che il 5G sia più un'opportunità o più un rischio?

View Results

Loading ... Loading ...