Cosa è il MES? Chiedetelo a Flavia Vento (esilarante :-)

Per chi non lo avesse visto, vi riportiamo il video di #propaganda su Flavia Vento e il MES.

Semplicemente ESILARANTE.

Però, in effetti, quanti non lo sanno? Probabilmente, la maggioranza.

Il MES è il Fondo Salva Stati dell’Unione Europea, da molti malvisto perchè di norma prevede che il prestito sia subordinato a condizioni rigide (la famosa Troika).

In questo periodo è diventato motivo di scontro politico perchè Salvini e Meloni ne hanno fatto una bandiera dell’opposizione.

Tuttavia, al momento l’Italia non lo ha chiesto e si parla di una versione light, senza condizioni.

Inoltre, non basta dire no al Mes, bisogna dire anche dove pensi di andare a prendere i soldi tu.

I bond “Orgoglio Italiano” proposti da Salvini sono già stati tentati dal governo “gialloverde” un anno fa e non li ha comprati nessuno.

Intanto, godetevi Flavia Vento.

Il mondo prima e durante il Coronavirus. Una differenza che deve far riflettere.

Nei mesi di lockdown, tutti abbiamo scoperto cose che probabilmente non avremmo mai avuto la possibilità di valutare.

Le rare volte che siamo usciti di casa, abbiamo trovato strade silenziose, in cui si sentono gli uccelli, che pensavamo che neanche ci fossero più in città, gli uccelli.

Nessun rumore di automobili, anzi nessun rumore in assoluto, e abbiamo capito più che mai quanto tutti siamo assuefatti al caos, al punto di non percepirlo più.

Con l’aria più pulita, abbiamo potuto vedere in lontananza in un modo che non era mai accaduto mai, prima.

Nessuna folla, nessuna fretta.

Un mondo che si muove molto più lentamente, come se il tempo stesso avesse cambiato velocità.

Da soli è difficile cambiare, ma quando si è in tanti, tutto diventa più facile.

E’ dimostrato che una nuova abitudine è tale dopo 3 settimane: in 21 giorni il cervello si abitua a una novità e la assimila come la nuova normalità.

Qui di settimane ne sono passate tante, chissà che non sia la volta buona che qualcuno, diciamo un 10/ 20% della gente, non cambi davvero le proprie abitudini verso uno stile di vita migliore.

Se sarà cosi, questa malattia non avrà lasciato solo morti, ma anche qualche nuovo vivo.

Il mondo ha bisogno di cambiamento e questa occasione potrebbe davvero essere uno spartiacque tra due modi di pensare.

Abbiamo bisogno di rallentare, di diminuire la velocità e il numero degli spostamenti, di diminuire la quantità e la densità demografica, di ripensare al nostro modello di sviluppo.

Insomma, dobbiamo ripensare a quello che intendiamo come benessere.

Guardate questo video, è illuminante.

La benzina a 1 euro? Non è una buona notizia. L’energia deve costare tanto.

Con i recenti, vistosissimi cali sul mercato del petrolio, che hanno portato il prezzo del barile addirittura in negativo, il costo della benzina e del gasolio alla pompa stanno scendendo in maniera molto vistosa.

Presso alcuni distributori d’Italia, a Roma e a Napoli, già ora si compra benzina a 1 euro tondo.

Questo si traduce in un notevole risparmio per le famiglie e le imprese, e viene generalmente salutato come una notizia molto positiva.

In realtà, non lo è.

O, meglio, lo è nell’immediato del pagamento del conto al benzinaio, ma il sorriso di ciascuno di noi davanti al prezzo diminuito è frutto di una visione miope del problema.

Ci sono almeno quattro buone ragioni per affermarlo:

La prima è che il prezzo del petrolio è sceso perchè non c’è più domanda, il che significa che siamo di fronte a una imponente crisi economica, che avrà costi molto maggiori del risparmio che si avrà sul pieno.

La seconda ragione è che lo stato guadagna il 61% su ogni pieno che noi facciamo alla pompa, che è moltissimo, ma è una percentuale, non un valore assoluto (l’IVA si calcola al 22%).

Questo significa che, scendendo il prezzo di benzina e gasolio, lo stato incassa meno, e quei soldi dovrà cercarli altrove.

Quindi, alla lunga il risparmio non esiste!

Non li paghi con la mano destra ma te li tolgono dalla tasca sinistra!

La terza ragione è che quella sui carburanti è una tassa diretta, che colpisce di più che ha di più e non si può evadere.

Tradotto in parole povere significa che un’auto più potente consuma di più e paga più tasse, mentre un’auto economica consuma poco e paga meno tasse.

Se usi molto l’auto perchè vai spesso in giro paghi più tasse di chi va in bicicletta, e così via.

Abbassare le tasse sugli stipendi e alzare le tasse sui consumi.

Questo è un ottimo modo di riequilibrare la bilancia a vantaggio dei ceti più poveri

(e di chi non evade le tasse).

La quarta ragione è la meno immediata ma la più importante: il consumo di energia crea inquinamento.

Meno costa l’energia, più se ne usa.

Meno costa l’energia, meno investimenti si fanno per ridurre i consumi.

Per esempio, durante la crisi petrolifera del 1973 la tecnologia fece velocemente enormi passi avanti nella direzione di abbassare i consumi, poichè la mancanza di materia prima (il petrolio) costrinse il mondo a pensare a prodotti meno energivori.

Cartello che dice “benzina finita” durante la crisi petrolifera del 1973

Nel paesi come gli Stati Uniti in cui la benzina costa poco si producono auto che consumano molto.

E noi viviamo in un mondo che ha un disperato bisogno di tecnologia per consumare meno e di gente che consumi meno energia.

la fondazione stopglobalwarming.eu sta raccogliendo firme per proporre al Parlamento Europeo di spostare la tassazione dalle persone alla Co2, proprio per ridurre l’inquinamento e fermare i cambiamenti climatici.

Attenzione che questa sarebbe una vera rivoluzione: significherebbe che le tasse sul lavoro dipendente diminuirebbero drasticamente, e tutti avrebbero molti più soldi in tasca liquidi a fine mese.

Ciascuno pagherebbe le tasse in base ai consumi, e i prodotti avrebbero un costo gravato da un balzello proporzionato al loro impatto ecologico.

Sostanzialmente, meno inquini, meno paghi.

Questa rivoluzione portebbe a un fortissimo riequilibro dei consumi, a vantaggio dei prodotti più ecosostenibili, che è esattamente il contrario di ciò che avviene oggi.

A tal proposito, vedi anche:

Il mondo in cui viviamo è concepito per detassare ciò che va più veloce, ciò che aiuta a consumare di più, senza alcur riguardo per il futuro del pianeta (l’unico pianeta che abbiamo!).

E’ assolutamente esiziale, nel senso che ne va della nostra esistenza, passare dall’attuale pensiero consumo-centrico a un pensiero eco-centrico.

Cioè, smettere di finanziare tutto ciò che consente di aumentare il PIL per iniziare a finanziare ciò che migliora la qualità della vita degli uomini, degli altri animali, e del pianeta.

Se non lo faremo, e se non lo faremo molto alla svelta, siamo destinati all’estenzione, e non tra mille anni, questa cosa non è un film, e non finisce per niente bene.

Il mondo come lo conosciamo imploderà entro 30-50 anni!

I cambiamenti climatici riguardano molti di noi …E il 100% dei nostri figli!

Bisogna agire, adesso!

Alberto Bonomi per Aritos.it

Altri articoli sullo stesso argomento:


4 persone che potevano farcela

Questa è la storia di 4 persone,

chiamate Ognuno,

Qualcuno,

Ciascuno e Nessuno.

C’era un lavoro importante da fare.

Ognuno era sicuro che Qualcuno lo avrebbe fatto.

Ciascuno poteva farlo, ma Nessuno lo fece.

Qualcuno si arrabbiò perché era il lavoro di Ognuno.

Ognuno pensò che Ciascuno potesse farlo,

ma Nessuno capì che Ognuno l’avrebbe fatto.

Finì che Ognuno incolpò

Qualcuno perché Nessuno

fece ciò che Ciascuno avrebbe potuto fare.

Questo mondo ha bisogno di persone che lo cambino senza aspettare che lo facciano altri.

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo (Mahatma Gandhi)

Record di caldo al Polo Nord, temperature di 20 gradi troppo alte

Il 30 aprile si è verificato un nuovo record di temperatura al Polo Nord.

Il termometro ha segnato 20 gradi in più rispetto alle medie per il periodo al Circolo polare Artico.

I dati sono stati rilevati dal Centro meteo americano Gfs (Global forecast system).

Il Polo nord è riscaldato in questo periodo da un flusso di aria ‘bollente’ proveniente dall’Asia e diretta nell’area dell’Artico, per esempio in Siberia.

Tra le conseguenze, l’accelerazione della fusione dei ghiacci e ripercussioni ambientali come il ritorno del freddo in Canada e in Usa.

Si tratta dell’ennesimo segnale di un riscaldamento globale totalmente fuori controllo, rispetto al quale la politica di fatto non si muove.

La ragione principale sta nella poca sensibilità degli elettori, che di fatto premiano ancora e sempre ci propone soluzioni economiche di breve periodo.

Oggi, in Italia e in Europa, nessun partito che abbia al centro del proprio programma un vero cambiamento green è forza di maggioranza nel proprio paese.

Eppure, molti di noi hanno figli e le più recenti ricerche dicono che la civiltà umana potrebbe finire nel 2050 proprio per gli effetti del climate change.

Possibile che questo pensiero non attanagli i genitori di bambini che allora avranno 30 o 40 anni a sufficienza da desiderare di cambiare significativamente?

Continuiamo a suonare come l’orchestra sul Titanic.