Il naufragio dell’Andrea Doria, la nave più bella del mondo

Il 25 luglio 1956, a seguito della collisione con la nave svedese Stockholm, affondava l’Andrea Doria, il transatlantico italiano definito “la nave più bella del mondo”.

Una storia di tecnologia, di bellezza, di onore e di eroismo italiani.

Il Doria, proveniente da Genova, percorreva la sua 101° traversata atlantica, ai comandi del Capitano Pieo Calamai.

Lo Stockholm, un transatlantico svedese per il trasporto promiscuo di merci e persone, dotato di una prua solidissima progettata per i ghiacci del nord-atlantico, speronò il Doria mortalmente, procedendo ad alta velocità, tanto che nell’impatto perse 24 metri di scafo.

Quarantasei dei 1706 passeggeri morirono nella collisione, insieme a 5 uomini della Stockholm.

Una curiosità: dopo la collisione l’equipaggio della Stockholm trovò sul ponte una ragazza di 14 anni che era ospitata nella cabina 52, Linda Morgan, senza ferite gravi.

Era sopravvissuta all’impatto, mentre sua sorella era morta nella cabina schiacciata dalla prua.

Vi proponiamo un documentario che ne ricostruisce la storia, dalla nascita all’affondamento.