La DeLorean di “Ritorno al Futuro” di nuovo in produzione

Se siete nostalgici dei mitici anni ‘80, questa notizia è per voi: negli U.S.A. È ricominciata la produzione della DeLorean DMC12 di “Ritorno al Futuro”.

Non parliamo di un nuovo modello, o di un retrofit elettrico come si usa ora sui modelli d’epoca, bensì della vettura originale degli anni ’80, quella disegnata dal nostro Giorgetto Giugiaro, con la carrozzeria in acciaio inox non verniciato e le porte ad ali di gabbiano.

La cosa risulta possibile grazie a una legge americana che consente di attingere ai pezzi di ricambio originali d’epoca per produzioni di piccola serie.

E, in questo caso, di pezzi di ricambio ce ne sono tanti.

Ma andiamo per gradi: La DeLorean originale non era americana, come si potrebbe pensare, bensì irlandese, con sede vicino a Belfast dove, nel 1978, fu costruito uno stabilimento apposito.

La DMC12 ebbe un parto travagliato, per molti problemi tecnici, e vide la luce solo nel 1981, con i primi esemplari consegnati, mentre la produzione andò a regime nel 1982.

L’azienda chiuse repentinamente alla fine del 1982, quando il fondatore, Jhon DeLorean, fu arrestato per spaccio di droga (fu poi assolto, ma intanto l’azienda era fallita).

In soli 2 anni di vita attiva, erano state prodotte poco più di 9000 DMC12, ed essendo la fine arrivata a sorpresa, rimase un immenso magazzino.

La DeLorean, già famosa al grande pubblico, sia per le sue peculiarità tecniche, sia per il gossip legato alla figura del fondatore, divenne iconica dopo la sua prematura “scomparsa” quando, 2 anni dopo, Robert Zemeckis la utilizzò come protagonista della saga “Back to the future”.

Nel film si dice che la sua carrozzeria inox la rende ideale ai viaggi nel tempo; in verità, fu scelta perchè, cinicamente, la casa costruttrice era fallita e così non si sarebbero dovuti pagare i diritti di immagine.

Nel frattempo, nel 1983 una società americana aveva acquistato le rimanenze della DeLorean irlandese; magazzino, attrezzature, disegni tecnici finirono a Columbus, in Ohio, per essere in seguito venduti come pezzi di ricambio.

Quella società si mosse per acquisire anche altro materiale dai fornitori originali della Delorean, che in effetti era costruita con sospensioni Lotus, motore PRV, cambio Renault, insomma tutti pezzi che potevano essere trovati sul mercato.

Nel 1985 nacque una nuova società, chiamata DeLorean One, specializzata in ricambi DeLorean, che in seguito, nel 1997, venne ulteriormente ribattezzata DeLorean Motor Company.

Da allora, più volte si è parlato di un nuovo modello DMC12, di cui si sono viste spesso foto (come quella che pubblichiamo qui), che però non ha mai visto la luce.

Ora, con questa nuova legge, si potrà attingere all’immenso magazzino d’epoca, che fu lasciato della sua progenitrice al momento del fallimento.

Ai pezzi originali, verranno anche aggiunti gadget più moderni, necessari per superare le attuali normative sulla sicurezza e sull’inquinamento.

Anche perchè, a dirla tutta, farla proprio identica sarebbe una pessima idea, dato che quella originale qualitativamente era un disastro, cadeva letteralmente a pezzi, tanto che nel 1981 veniva venduta senza garanzia.

La nuova DeLorean DMC12 costerà circa 100.000 dollari, 90.000 euro al cambio attuale.

Sicuramente una bella cifra, ma ci si porta a casa un oggetto di grande fascino e di indubbia esclusività, visto che ne verranno prodotte solo 300 all’anno.

Per saperne di più, potete visitare il sito ufficiale della casa costruttrice, dove sono in vendita anche accessori come magliette e orologi, https://www.delorean.com/, o la loro pagina Facebook, https://www.facebook.com/deloreanmotorcompany.

ma, prima, partecipate al nostro sondaggio:

100.000 dollari per una DeLorean DMC12; una vettura aggiornata, tecnicamente datata ma di grande fascino. La compreresti?

Loading ... Loading ...